Inizia a fare trading su Uber!
UBER

Analisi prima di comprare o vendere azioni Uber

Inizia a fare trading su Uber!
68% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro - eToro.com
 
Grafico fornito da TradingView

Avete intenzione di speculare online nei prossimi tempi sulla quotazione delle azioni Uber grazie ai CFD della vostra piattaforma di trading? In questo caso, proponiamo di scoprire in questa pagina tutte le informazioni necessarie per realizzare delle analisi della loro quotazione. Vi forniremo infatti i dati generali sulla quotazione di questo titolo così come altre informazioni utili su questa azienda come le sue attività, le sue partnership e i suoi concorrenti. Concluderemo dandovi alcuni semplici consigli per realizzare l’analisi fondamentale di questo valore.

Elementi da considerare prima di vendere o comprare azioni Uber

Analisi n.1

Le soluzioni che permettano di reclutare più facilmente degli autisti per il suo servizio e quindi di aumentare il numero di conducenti, migliorando di conseguenza la qualità dei servizi Uber attraverso la riduzione dei tempi di attesa degli utenti e fornendo all’azienda maggiore popolarità e redditività a lungo termine.

Analisi n.2

L'espansione internazionale del gruppo Uber, soprattutto in alcuni mercati in cui i taxi sono costosi, fra cui l'India, è anch’essa un'interessante opportunità di crescita.

Analisi n.3

L'introduzione in Borsa del gruppo permette l'ingresso di nuovi investitori e quindi di fondi aggiuntivi che dovrebbero consentire a Uber di sviluppare nuovi servizi o espandere la propria presenza.

Analisi n.4

Uber potrebbe anche predisporre rapidamente nuovi servizi specifici, come il trasporto scolastico, il trasporto di pazienti in ospedale o il trasporto di animali domestici dal veterinario, che gli apporterebbero delle fonti di reddito aggiuntive.

Per quanto riguarda le minacce alla crescita di Uber, andranno presi in considerazione i seguenti elementi:

Analisi n.5

La crescente rabbia delle compagnie di taxi tradizionali, a causa della concorrenza praticata da Uber, considerata sleale, per quanto riguarda i prezzi e i minori tempi di attesa, può causare dei problemi a Uber in alcuni paesi.

Analisi n.6

I driver Uber possono anch’essi esprimere la loro insoddisfazione circa i margini ridotti della loro attività, cosa che comporta una pubblicità negativa per il gruppo e potrebbe anche scoraggiare i futuri conducenti che intendono aderire al sistema.

Analisi n.7

I cambiamenti normativi tendenti a impedire a Uber di operare in alcuni paesi possono inoltre nuocere al suo sviluppo.

Analisi n.8

Infine, come abbiamo sottolineato in precedenza nella lista dei punti deboli di questo gruppo, la crescente concorrenza che Uber deve fronteggiare potrebbe tradursi in una riduzione dei prezzi che contribuirebbe a un'ulteriore perdita di autisti.

Il 68% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con eToro

Presentazione della società Uber

Per aiutarvi a ben identificare e comprendere le sfide di questo settore e a realizzare una migliore analisi, cominciamo questo articolo sulle azioni Uber ricordando quali sono le attività della società.

Il gruppo Uber, precedentemente noto come UberCab, è una società tecnologica con sede negli Stati Uniti la cui attività principale consiste nello sviluppo e nella gestione di applicazioni mobili che mettono in contatto gli utenti con conducenti che effettuano dei trasporti.

Le applicazioni detenute e gestite da Uber vengono commercializzate in tutto il mondo e sono presenti in molti paesi.

Una delle particolarità di questo gruppo è che ha sviluppato un sistema che offre sia la vendita regolare di servizi che un servizio occasionale e ciò gli ha fatto subire non poche polemiche.

Uber offre differenti tipi di servizi, tra cui:

  • UberX, conducenti professionisti che propongono delle berline standard;
  • Uber Berline, conducenti professionisti che propongono delle berline di lusso;
  • UberVan, conducenti professionisti che propongono dei pulmini (capacità 6 persone);
  • UberPOP, conducenti privati occasionali alla guida del loro veicolo personale (servizio sospeso in Francia dal 3 luglio 2015)
  • UberPool, che permette di condividere il proprio tragitto con un altro passeggero che si trova nello stesso posto e che va nella stessa direzione;
  • UberEats, che offre la consegna di pasti forniti dai ristoranti. Richiede l'applicazione UberEats.
  • UberGreen, conducenti professionisti che propongono veicoli elettrici o ibridi.
  • UberAccess, conducenti professionisti che propongono veicoli adatti ai portatori di handicap

Più di recente, Uber ha ulteriormente diversificato i propri servizi, offrendo il servizio di consegna di pasti a domicilio Uber Eats.

Analisi prima di comprare o vendere azioni Uber
Il 68% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con eToro

Concorrenza

Per poter effettuare delle buone analisi della quotazione delle azioni Uber, è necessario conoscere il settore di attività in cui opera il gruppo ed è in particolare essenziale esaminare con attenzione i principali concorrenti della società sul suo mercato. Proponiamo quindi l’elenco dei più importanti avversari di Uber nel mondo e le loro attività:

Lyft 

 Per cominciare, il gruppo Lyft è senza dubbio ad oggi il principale concorrente di Uber. Si tratta di un'azienda tecnologica statunitense che è responsabile dello sviluppo e della gestione di applicazioni mobili per collegare i clienti con i conducenti associati al suo servizio di veicoli con autista. Il gruppo ha sede a San Francisco ed è in particolare il numero due dei servizi di trasporto passeggeri negli Stati Uniti, subito dopo Uber.

Heetch

 È una società francese di servizi di trasporto passeggeri la cui applicazione mobile era utilizzata per offrire servizi di carpooling notturno ma che, dopo aver subito una condanna nel 2017, ha cambiato il suo modello. Ora si tratta di un'applicazione di trasporto passeggeri simile a quella proposta da Uber.

Deliveroo 

 Questa azienda del Regno Unito è un concorrente di Uber Eats nel settore della consegna di alimenti pronti. È ovviamente presente nel Regno Unito ma anche nei Paesi Bassi, in Francia, Belgio, Irlanda, Italia, Emirati Arabi Uniti, Australia, Singapore e Hong Kong. I clienti possono effettuare ordini presso i ristoranti partner tramite il sito o l’applicazione mobile Deliveroo. I pasti vengono poi consegnati da corrieri indipendenti.

Bolt Technology

 Questa società, precedentemente nota come Taxify, è un’impresa estone specializzata in mobilità condivisa. Il gruppo sviluppa e gestisce un'applicazione mobile che consente a chiunque di richiedere un autista o di trovare dei monopattini elettrici self-service tramite il proprio smartphone.

Cabify

 Infine, la spagnola Cabify è una società di carpooling che offre veicoli a noleggio attraverso la sua applicazione per smartphone. I veicoli sono guidati da fornitori di servizi indipendenti. L'azienda è presente sia in Spagna che in Portogallo e in America Latina e offre due tipi di servizio, uno per le aziende e l'altro per i privati. È quindi un concorrente indiretto del gruppo Uber in questi mercati geografici.


Alleanze strategiche

Per aumentare la propria visibilità e la propria presenza nel mondo, il gruppo Uber non ha esitato a creare numerose collaborazioni con altre aziende di grande importanza. L'annuncio di tali partenariati ha spesso un’influenza diretta sulla quotazione di questo valore ed è quindi interessante seguirli con attenzione. Ecco tre esempi concreti di recenti partenariati che vi aiuteranno a capirne l’interesse.

Cargot

Nel 2018, in particolare, il gruppo Uber ha stretto una partnership di estrema importanza con il gruppo Cargo. Questa partnership ha lo scopo di dare agli autisti Uber l'opportunità di generare degli introiti aggiuntivi proponendo la vendita di prodotti durante la loro corsa. Il gruppo Cargo ha infatti delle partnership con le imprese Kellogg’s, Mars e Starbucks e fornisce quindi ai conducenti una scatola gratuita contenente vari prodotti di questi marchi da proporre alla vendita come servizio Premium per i clienti di questo servizio. Si noti che oltre un milione di prodotti sono stati già venduti con questo sistema. Le scatole devono quindi essere ritirare dai conducenti nei centri di supporto Uber e contengono gomma da masticare, barrette di cioccolato, prodotti di bellezza, batterie esterne per portatili e altri articoli che potrebbero interessare i passeggeri.

BNP Paribas

Sempre nel 2018, Uber si è associato ad uno dei principali gruppi bancari europei, BNP Paribas, nel quadro di una partnership per accompagnare nell'acquisto di veicoli d’occasione recenti i conducenti del gruppo che utilizzano questa applicazione. Grazie a questa alleanza, i conducenti Uber potranno beneficiare di specifici criteri di accettazione per ottenere un finanziamento e avranno perfino a disposizione un sito web dedicato che gli darà un accesso diretto a una vasta selezione di veicoli usati preventivamente selezionati per rispondere alle loro esigenze e che rispettano quindi le normative previste. I conducenti possono quindi prenotare la propria auto direttamente online tramite questo servizio. Per far funzionare questa partnership, BNP Paribas, tramite la propria filiale Cetelem, ha sviluppato un modello di finanziamento specifico per il suo partner Uber. Questo permetterà probabilmente a Uber di reclutare più conducenti, per i quali l'acquisto di un veicolo costituisce spesso un ostacolo, soprattutto in relazione alle difficoltà nell'ottenimento del credito a causa del loro specifico status professionale di lavoratori autonomi.

Toyota Motor

Più di recente, è con il gruppo Toyota Motor Corporation che la filiale di Uber Technologies ha firmato un accordo per ampliare la partnership esistente facendo avanzare e mettendo sul mercato su larga scala un servizio di mobilità basato su veicoli condivisi e autonomi. Nell'ambito di questa partnership, i due gruppi saranno portati a mettere in comune il loro know-how e le loro tecnologie per la creazione di veicoli Toyota prodotti appositamente per essere utilizzati dalla flotta Uber. Toyota investirà quindi oltre 500 milioni di dollari nella società statunitense. Si noti che il partenariato previsto dalle due società per quanto riguarda il futuro della guida autonoma è essenziale per sviluppare questa tecnologia su scala più ampia. La sfida è di rendere questi veicoli autonomi utilizzabili da operatori terzi di flotte autonome attraverso la firma di accordi specifici. Per il momento, la flotta iniziale denominata Autono-MaaS sarà basata sulla piattaforma esistente del minivan Toyota Sienna ed integrerà l’Autonomous Driving System sviluppato da Uber e l’assistente automatizzato di sicurezza Guardian di Toyota. Toyota metterà inoltre a disposizione di questo progetto la sua piattaforma Mobility Services, la sua infrastruttura di base dedicata ai veicoli connessi. Si attende ora l'implementazione della fase pilota del progetto nella rete Car-Sharing di Uber che dovrebbe partire nel 2021.

Il 68% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con eToro
fattori positivi per le azioni Uber
Gli elementi a favore di un rialzo della quotazione delle azioni

Vi proponiamo ora di scoprire quali sono i punti di forza di cui dispongono le azioni Uber per sostenere la loro evoluzione al rialzo. A tal fine, è bene determinare gli attuali punti di forza di questa azienda che vi proponiamo di scoprire qui più in dettaglio:

In primo luogo, la soluzione messa in opera dal gruppo Uber presenta un interessante carattere evolutivo. Questa facile evoluzione dei servizi dovrebbe infatti consentire a Uber di spingere al massimo l'efficacia della sua espansione internazionale. Infatti, i servizi di taxi sono onnipresenti in tutti i paesi del mondo e le esigenze sono quindi ben reali il che permette a Uber di rispondervi in modo efficace adattando con facilità la propria offerta alle condizioni specifiche e ai vincoli di ogni paese.

La facilità con cui Uber può gestire il proprio personale, ovvero i suoi conducenti, è un ulteriore vantaggio per il gruppo che può scegliere autisti qualificati senza avere gli stessi vincoli delle altre imprese. Ricordiamo infatti che il sistema di Uber si basa su autisti indipendenti e non salariati e questo riduce anche il costo del lavoro. Allo stesso modo, i costi operativi del gruppo sono anch’essi molto bassi per via dell'assenza di alcune esigenze, dato che l'interazione tra conducenti e clienti avviene unicamente attraverso l'applicazione mobile.

Per quanto riguarda il modello economico del gruppo, vi si trova un altro vantaggio innegabile di Uber cioè la possibilità di fornire un servizio semplice e chiaro agli utenti. In particolare, questi conoscono in anticipo il prezzo della corsa e possono ordinare un veicolo in qualsiasi orario.

La valorizzazione di questa azienda è un altro vantaggio di cui dovete tener conto. Infatti, gli investitori hanno versato delle somme elevate in questa impresa e ciò lascia a quest’ultima la possibilità di svilupparsi in modo più significativo e di espandere la propria attività in tutto il mondo, in particolare tramite investimenti in ricerca e innovazione.

La politica delle corse a basso prezzo rispetto alle offerte dei taxi tradizionali è un'altra delle forze del modello Uber e gli permette di acquisire facilmente nuovi clienti.

Infine, si terrà conto anche della molto ben pensata strategia di diversificazione delle attività del gruppo. Dopo aver creato Uber Eats nel campo della consegna di pasti a domicilio, è probabile che nei prossimi tempi il gruppo metta in atto altri servizi di questo tipo basandosi sul proprio know-how e sull’efficacia del proprio modello.

fattori negativi per le azioni Uber
Gli argomenti a favore di un ribasso della quotazione delle azioni

Sebbene il gruppo Uber sembri avere molti vantaggi che dovrebbero consentirgli di crescere e quindi di far aumentare la quotazione delle proprie azioni di Borsa, ha anche alcune lacune che vi proponiamo di scoprire qui in modo più dettagliato tramite un elenco delle attuali debolezze di questo valore.

In primo luogo, le problematiche etiche relative al rapporto che Uber intrattiene con i suoi autisti rimangono al centro delle preoccupazioni degli investitori. In effetti, questo modello economico basato sull'uso di lavoratori autonomi anziché di dipendenti ha fatto molto parlare di sé negli ultimi anni e, sebbene Uber abbia fatto molti sforzi in questa direzione, non è da escludere che nuovi movimenti sociali possano perturbare la sua attività nei prossimi anni.

Allo stesso modo, non esiste un vero e proprio programma di fidelizzazione tra Uber i suoi clienti passeggeri e ciò potrebbero causare il loro passaggio ad un potenziale concorrente e, in particolare, a dei concorrenti che praticano dei prezzi meno elevati o che offrono dei servizi di miglior qualità.

Le leggi e le normative nei mercati in cui il gruppo Uber svolge le proprie attività possono influenzare negativamente la sua crescita con i vincoli che impongono. Queste regole sono infatti diverse da un paese all'altro e Uber è obbligato ad adattarvisi al meglio.

Si terrà conto anche dell'arrivo sul mercato di nuovi concorrenti di Uber che non gode più ad oggi del monopolio di questo settore di attività. Dato che questo mercato non ha delle forti barriere all'ingresso, è infatti facile per dei nuovi attori inserirvisi, il che, ovviamente, limita le possibilità di crescita di Uber.

Infine, nonostante le operazioni finalizzate a semplificare il problema come la partnership con BNP Paribas che abbiamo presentato sopra, il fatto che i conducenti Uber debbano finanziare personalmente l'acquisto del loro veicolo può rivelarsi un grosso ostacolo allo sviluppo dell’attività.

Le informazioni fornite in questa pagina sono solo indicative e non devono essere utilizzate senza effettuare un’analisi fondamentale più completa di questo titolo, tenendo conto, in particolare, dei dati esterni, delle pubblicazioni future e di qualsiasi notizia di natura fondamentale che potrebbe far evolvere questi punti di forza e di debolezza o renderli più o meno gravosi. Queste informazioni non costituiscono in alcun modo dei consigli per la realizzazione di transazioni né un incentivo ad comprare o vendere un attivo.

Domande frequenti

Chi sono i differenti azionisti del gruppo Uber?

Attualmente, tra gli azionisti del gruppo Uber si trovano: il gruppo SB Investment Advisers per il 26.1%, Benchmark Capital Management per l’8.83%, Public Investment Fund per l’8.57%, Travis Kalanick per il 5.78%, Expa Capital per il 4.80%, TPG Group Holdings per il 4.29%, GV Management per il 4.18%, Goldman Sachs Asset Management per il 3.51%, Dragoneer Investment Group per il 2.50% e Lowercase Capital per il 2.47%.

Quando è stata introdotta in Borsa Uber?

Il gruppo Uber è stato introdotto parzialmente in Borsa a maggio 2019 riuscendo a raccogliere 8.1 miliardi di dollari per una capitalizzazione totale di 82 miliardi di dollari. Si tratta quindi di una delle dieci più grandi introduzioni in Borsa degli Stati Uniti sebbene la capitalizzazione sia stata inferiore alle previsioni che contavano su oltre 90 miliardi di dollari.

In che modo Uber ottimizza fiscalmente il proprio modello?

Le pratiche di ottimizzazione fiscale di Uber sono state recentemente portate alla luce del sole da alcuni giornalisti che hanno rivelato come la società utilizzi a tal fine dei complessi montaggi finanziari internazionali, in particolare nei Paesi Bassi. Tali montaggi sono soprattutto finalizzati a ridurre l'importo delle tasse pagate da Uber e rispettano le leggi fiscali dei differenti paesi in cui l’impresa svolge le proprie attività rimanendo quindi totalmente legali.

eToro è una piattaforma multi-asset che offre sia investimenti in azioni e in criptovalute, sia il trading di asset CFD.

Nota: I CFD sono strumenti complessi che comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 68% degli investitori retail perde denaro quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti valutare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le prestazioni precedenti non offrono garanzie per risultati futuri. La cronologia di trading presentata è inferiore a cinque anni e potrebbe non essere sufficiente come base valida per decidere i propri investimenti.

Il copy trading è un servizio di gestione del portafoglio, fornito da eToro (Europe) Ltd., autorizzato e regolamentato dalla Cyprus Securities and Exchange Commission.

L'investimento in criptovalute non è regolamentato in alcuni paesi dell'UE e nel Regno Unito. Nessuna tutela del consumatore. Il tuo capitale è a rischio.

eToro USA LLC does not offer CFDs and makes no representation and assumes no liability as to the accuracy or completeness of the content of this publication, which has been prepared by our partner utilizing publicly available non-entity specific information about eToro.

eToro.com