Capitalizzazione e fatturato di Vivendi

  •   DEHOUI Lionel

Vivendi è una società francese attiva nei media, nei contenuti e nelle comunicazioni. Ha una notevole presenza in più di 100 paesi nel mondo. È anche uno dei principali fornitori di contenuti al mondo. Nell'anno finanziario 2020, il gruppo ha ottenuto buoni risultati. Questo è anche il caso dell'anno 2021.

Il 77% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Performance nell'anno fiscale 2020

Nell'anno fiscale 2020, Vivendi ha raggiunto un fatturato consolidato di 16,01 miliardi di euro. 16,01 miliardi. Ha riportato una crescita dell'1,2% su base annua. D'altra parte, su base comparabile, le vendite sono diminuite dello 0,6% rispetto all'anno precedente.

Il fatturato è stato quindi superiore alle previsioni del mercato. Il mercato si aspettava una media di 15,97 miliardi di euro. Va anche notato che il gruppo non è stato risparmiato dagli effetti della crisi sanitaria del Covid-19. Tuttavia, alcune delle sue attività hanno retto bene.

Questi includono la televisione a pagamento e la musica. D'altra parte, attività come Vivendi Village (in particolare gli spettacoli dal vivo) e Havas Group sono state colpite dalla pandemia di coronavirus. Da parte sua, Editis ha beneficiato di una netta ripresa del suo business in Francia dal giugno 2020.

Nei dodici mesi di quest'anno, l'utile netto (quota del gruppo) ha raggiunto 1,44 miliardi di euro, rispetto a 1,58 miliardi di euro dell'anno precedente. All'epoca, la società ha beneficiato di un credito d'imposta una tantum stimato a 473 milioni di euro. Escludendo questa voce, l'utile netto (quota del gruppo) ha registrato un aumento del 29,7% nel 2020.

L'utile operativo rettificato (Ebita) è stato di 1,63 miliardi di euro. 1,63 miliardi, un aumento del 6,6% su base segnalata. Su base comparabile, il calo è stato del 3,7%. Questa tendenza è stata guidata dalla forte performance di UMG e Canal+, che hanno aumentato il loro reddito operativo rispettivamente del 20,1% e del 5,2%.

 

Risultati solidi nella prima metà del 2021

Per i primi sei mesi del 2021 nel loro complesso, i ricavi di Vivendi sono stati pari a 8,221 miliardi di euro, rispetto ai 7,576 miliardi di euro del primo semestre del 2020. 7,576 miliardi nella prima metà del 2020, con un aumento dell'8,5% su base annua. Questo aumento è stato trainato in particolare dalla crescita delle attività di Canal+ Group, Havas Group, UMG (Universal Music Group) e Editis.

Su base comparabile, le entrate sono aumentate dell'11,9% rispetto all'H1-2020. Per il primo semestre 2021, il gruppo media ha generato un utile operativo rettificato (Ebita) di 1,066 miliardi di euro, in crescita del 45,0% su base annua. A tassi di cambio e area di consolidamento costanti, è in aumento del 49,3%.

Ciò è dovuto principalmente alla crescita del gruppo Canal+, UMG, Editis e Havas Group. 973 milioni in H1-2021. 973 milioni in H1-2021, un aumento del 47,3% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Il reddito da investimenti finanziari è stimato a 117 milioni di euro, rispetto ai 15 milioni di euro dell'anno precedente.

Nel primo semestre del 2021, l'utile netto (quota del gruppo) ammonta a 488 milioni di euro (o 0,45 euro per azione di base), rispetto ai 757 milioni di euro (0,66 euro per azione di base) del primo semestre 2020. 757 milioni di euro ('0.66 per azione di base) nel 1° semestre 2020, con un calo del 35.5% rispetto all'anno precedente. Questa diminuzione è dovuta principalmente all'evoluzione sfavorevole degli altri proventi e oneri finanziari (-'574 milioni).

Ciò è dovuto principalmente al calo del valore delle partecipazioni in Tencent Music Entertainment e Spofity. Tuttavia, questa evoluzione sfavorevole è stata parzialmente compensata dall'aumento di 331 milioni di euro dell'EBITA. 583 milioni ('0,51 per azione di base) nell'H1-2020.

Questo rappresenta un aumento del 24,1% su base annua. A fine giugno 2021, l'indebitamento finanziario netto della società è stimato a 2.878 milioni di euro, rispetto ai 4.953 milioni di fine 2020. Il gearing (il rapporto tra debito netto e patrimonio netto) si è attestato al 14,9% alla fine dell'H1-2021, rispetto al 30,1% alla fine di dicembre 2020.

Al 30 giugno 2021, Vivendi aveva una posizione di liquidità netta stimata di oltre 2,4 miliardi di euro.

 

Bilancio trimestrale del terzo trimestre 2021

Nel terzo trimestre del 2021, Vivendi ha riportato risultati migliori del previsto. Per l'intero periodo, i ricavi dell'azienda hanno raggiunto 2,476 miliardi di euro, rispetto ai 2,17 miliardi di euro del Q3 2020. 2,17 miliardi nel Q3-2020, un aumento del 14,1% su base annua. Questo aumento è stato guidato dalla forte performance del gruppo Canal+, che ha registrato ricavi stimati a

Il gruppo Havas ha anche contribuito alla crescita del fatturato trimestrale di Vivendi. 106 milioni. I ricavi di Vivendi Village sono stati di 29 milioni di euro nel trimestre.

Questo andamento delle entrate tiene anche conto del contributo del consolidamento di Prisma Media per 75 milioni di euro, con effetto dal 1° giugno 2021. Inoltre, per i primi nove mesi del 2021, Vivendi ha generato ricavi per 6,87 miliardi di euro, rispetto ai 6,291 miliardi di euro dello stesso periodo dell'anno precedente.

 

Il dividendo e la capitalizzazione di mercato di Vivendi

In occasione dell'assemblea generale annuale degli azionisti del 22 giugno 2021, il consiglio di amministrazione di Vivendi ha proposto il pagamento di un dividendo di 0,60 euro per azione per l'esercizio 2020. 0,60 per azione per l'esercizio 2020, che corrisponde a un rendimento di poco inferiore al 2%. La data di pagamento è stata fissata per il 25 giugno 2021.

Inoltre, Vivendi è presente sui mercati azionari. L'azienda è quotata alla Borsa di Parigi sul mercato Euronext. È anche una delle società che compongono l'indice borsistico CAC 40. Alla fine di dicembre 2021, aveva una capitalizzazione di mercato stimata di più di 10 miliardi di euro.

Il 77% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Plus500.com