Capitalizzazione e fatturato di Societe Generale

  •   DEHOUI Lionel

Fondata nel 1864 e con sede a Parigi, la Société Générale è una delle più antiche banche francesi. Da oltre 150 anni, il gruppo è rimasto un attore importante nell'economia reale con una forte presenza in Europa e nel resto del mondo. L'azienda ha più di 138.000 dipendenti in 62 paesi del mondo. Nel 2020, la banca non è stata risparmiata dagli effetti negativi della crisi sanitaria del Covid-19. Ha registrato la sua prima perdita annuale da almeno trent'anni.

Il 77% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Dettagli del margine di intermediazione per l'anno 2020

Nel quarto trimestre del 2020, Societe Generale ha visto il suo reddito bancario netto (NBI), l'equivalente delle entrate, scendere del 6% a 5,84 miliardi di euro. Nei dodici mesi di quest'anno, l'NBI annuale ha raggiunto 22,1 miliardi di euro. 22,1 miliardi, una diminuzione del 10,4% rispetto all'anno precedente.

La prima parte di quest'anno è stata segnata dall'impatto della pandemia e dalla dislocazione delle imprese bancarie. Al contrario, tutte e tre le linee di business del gruppo hanno mostrato un netto miglioramento nella seconda metà dell'anno. Questo, in un contesto ancora incerto imposto dalla crisi sanitaria del coronavirus.

In dettaglio, il margine di intermediazione (escluso l'accantonamento PEL/CEL) dell'attività bancaria al dettaglio in Francia è cresciuto del 2% nel H2/2020 rispetto al semestre precedente. Per l'anno nel suo complesso, è sceso del 6,1% rispetto all'anno precedente.

Il Retail Banking e i Servizi Finanziari Internazionali hanno registrato ricavi in aumento del 2,6% nel 1° semestre 2020. Per tutto l'anno, è sceso del 2,9%. Da parte sua, l'NBI del Global Customer and Investor Solutions ha registrato un aumento del 17% nel H2-2020, rispetto alla prima metà dell'anno. Per tutto l'anno, è sceso del 12,5%.

 

Costo del rischio sotto controllo

Tra ottobre e dicembre 2020, il costo netto del rischio (che corrisponde agli accantonamenti e alle riprese di accantonamenti sull'insieme dei rischi bancari, di controparte e operativi) si è attestato a 689 milioni di euro. Nel terzo trimestre del 2020, era di 518 milioni di euro. Nel Q4-2019, aveva raggiunto 371 milioni di euro.

Per tutto il 2020, il costo netto del rischio ammonta a 3,306 miliardi di euro. È più che raddoppiato rispetto al 2019 (1,278 miliardi di euro). Rappresenta 64 punti base o lo 0,64% dei prestiti in essere. Questo aumento è dovuto principalmente all'aumento degli accantonamenti per i crediti in bonis.

Questi accantonamenti sono stimati per un importo totale di 1,37 miliardi di euro. 1,01 miliardi relativi alla revisione degli scenari macroeconomici.

 

Performance di altri indicatori finanziari nel 2020

Nell'ultimo trimestre del 2020, l'utile netto, quota gruppo, si è attestato a 470 milioni di euro, in calo del 28,1% rispetto al Q4-2019. Per i dodici mesi di quest'anno, la banca ha registrato una perdita netta di gruppo di 258 milioni di euro.

Nel quarto trimestre del 2020, il risultato netto sottostante quota gruppo ammonta a 631 milioni di euro. Per tutto l'anno, ammontava a 1,435 miliardi di euro. Per l'anno in esame, Societe Generale ha registrato commissioni di gestione per 16,714 miliardi di euro, in calo del 5,7% rispetto al 2019.

Le commissioni di gestione sottostanti sono stimate a 16,504 miliardi di euro nel 2020. Sono scesi del 5,2% su base annua. Nel Q4-2020, sono stati pari a 4,318 miliardi di euro, in calo del 6,0% rispetto all'ultimo trimestre del 2019. Inoltre, per l'intero anno, la società ha generato un utile operativo di 2,093 miliardi di euro, in calo del 63,1% su base annua.

Nel Q4-2020, si è attestato a 798 milioni di euro, in calo del 40,4% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L'utile operativo lordo è stato di 1,487 miliardi di euro tra ottobre e dicembre 2020. È sceso del 13,0% su base annua. Per tutto l'anno, ha raggiunto 5,399 miliardi di euro, in calo del 22,2% rispetto al 2019.

 

Posizione finanziaria alla fine del 2020

Alla fine dell'esercizio 2020, il patrimonio netto, quota gruppo, ammontava a 61,7 miliardi di euro. Il patrimonio netto per azione ammontava a 62,3 euro. Il patrimonio netto tangibile per azione ammontava a 54,8 euro. Alla fine di dicembre di quest'anno, il totale del bilancio consolidato ha raggiunto 1.462 miliardi di euro.

In tutto il 2020, la casa madre ha emesso un debito a medio e lungo termine stimato in 34,3 miliardi di euro. Le filiali hanno emesso 2,9 miliardi di euro. In totale, l'emissione di debito a medio e lungo termine della banca ha raggiunto 37,2 miliardi di euro al 31 dicembre 2020.

Le attività ponderate per il rischio (RWA) del Gruppo sono stimate a 352,4 miliardi di euro alla fine del 2020, rispetto ai 345,0 miliardi di euro dell'anno precedente. Le attività ponderate per il rischio di credito sono aumentate dell'1,9% su base annua a 287,9 miliardi di euro.

287,9 miliardi, che rappresentano l'81,7% del totale. Inoltre, il Common Equity Tier 1 ratio del Gruppo si attesta al 13,4% a fine dicembre 2020. Ha superato il requisito normativo (9,03%) fissato dalla Banca Centrale Europea (BCE) di quasi 440 punti base.

 

Il dividendo e la capitalizzazione di mercato di Societe Generale

L'assemblea generale annuale degli azionisti di Societe Generale si è tenuta il 18 maggio 2021. In questa riunione, il consiglio di amministrazione della banca ha proposto la distribuzione di un dividendo di 0,55 euro per azione in contanti per l'esercizio 2020. È stato pagato il 27 maggio 2021.

Inoltre, Societe Generale riporta una forte presenza nei mercati finanziari. È uno dei titoli più popolari per gli investitori o i commercianti nelle borse. La società è quotata alla borsa di Parigi. È anche inclusa nell'indice borsistico francese CAC 40. A ottobre 2021, la sua capitalizzazione di mercato è stimata a 24,05 miliardi di euro.

Il 77% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Plus500.com