Capitalizzazione e fatturato di Enel

  •   DEHOUI Lionel

Fondata nel 1962 e con sede a Roma, Italia, Enel è una società che opera nel settore dell'energia. È riconosciuta come leader nella produzione e distribuzione di energia elettrica in Italia. Nel 2020, il gruppo ha subito gli effetti della pandemia di coronavirus. In particolare, la crisi sanitaria ha colpito l'intero settore energetico. Ecco i punti principali da ricordare sui risultati annuali dell'azienda per quest'anno.

Il 77% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500
Capitalizzazione e fatturato di Enel

Fatturato in calo nell'esercizio 2020

La crisi sanitaria di Covid-19 ha influito sul buon funzionamento del business dell'energia nel 2020. Questa situazione non ha risparmiato il gruppo Enel, che ha visto i suoi ricavi diminuire durante l'anno. Per tutti i dodici mesi di questo anno finanziario, il gigante italiano dell'energia ha avuto un fatturato annuo di 64,98 miliardi di euro.

Ha riportato un calo del 19,1% rispetto al 2019. Questo calo si spiega in particolare con l'impatto della pandemia sull'attività dell'azienda. La pandemia ha portato alla vendita di piccole quantità di elettricità e gas in Italia e Spagna. Inoltre, il calo del fatturato è stato causato dagli effetti negativi dei tassi di cambio in America Latina.

D'altra parte, il fatturato per il 2020 è stato inferiore alle aspettative del mercato. 77,8 miliardi per quest'anno.

 

Performance di altri indicatori finanziari nel 2020

Nonostante l'impatto dell'epidemia di coronavirus sul suo business, il Gruppo Enel ha registrato un aumento degli utili nel 2020. Infatti, per tutto l'anno, l'utile netto della società ha raggiunto i 2,6 miliardi di euro. 2,6 miliardi, in aumento del 20,1% rispetto al livello dell'anno precedente.

Questa crescita è stata guidata da significative rettifiche di valore. Nell'anno precedente, la società è stata costretta a svalutare le attività, in particolare le sue centrali a carbone. L'aumento dell'utile netto è stato attribuito anche al miglioramento della gestione finanziaria durante il 2020.

Escludendo le voci eccezionali, l'utile netto è stato di 5,19 miliardi di euro, in crescita del 9% su base annua. Inoltre, il gruppo italiano ha registrato un avanzo operativo lordo (Ebitda) di 16,8 miliardi di euro nel 2020. È sceso del 5% in un anno. Escludendo gli elementi eccezionali, è aumentato dello 0,2% a 17,9 miliardi di euro.

Questa cifra è in linea con gli obiettivi dell'azienda. Inoltre, la società ha valutato la buona performance della sua controllata Enel Green Power. La sua attività è essenzialmente nelle energie rinnovabili. Ha registrato un miglioramento del suo Ebitda nel 2020. Questa evoluzione è stata sostenuta dal notevole rendimento delle centrali idroelettriche.

È stato anche guidato dall'installazione di nuove unità in Spagna, Grecia, Stati Uniti, Canada e Brasile. Alla fine dell'esercizio 2020, il gruppo ha registrato un debito netto di 45,4 miliardi di euro, rispetto ai 45,2 miliardi di euro di un anno prima. Si tratta di un aumento dello 0,5%, dovuto principalmente agli investimenti fatti durante l'anno.

 

A proposito di investimenti nelle energie rinnovabili

Uno dei principali obiettivi di Enel per i prossimi anni è quello di diventare un attore chiave nel campo delle energie rinnovabili. In questo contesto, il Gruppo ha già iniziato a fare degli sforzi per raggiungere questo obiettivo. Infatti, ha messo in atto un piano strategico basato sulla decarbonizzazione e la digitalizzazione.

A tal fine, l'azienda prevede di accelerare i suoi investimenti nelle energie rinnovabili. Così, ha investito 10,2 miliardi di euro nel 2020, una crescita del 2,5%. Inoltre, nel novembre 2020, il gigante italiano ha annunciato l'intenzione di investire 17 miliardi di euro in questo settore entro il 2023.

D'altra parte, l'azienda ha sottolineato che sta considerando di anticipare la chiusura delle sue centrali a carbone in tutto il mondo al 2027. Questo era precedentemente previsto per il 2030. Nel 2020, la sua filiale Enel Green Power (specializzata in questo settore) ha registrato una crescita della sua capacità globale di energia rinnovabile. Questo ha raggiunto 49 gigawatt, un aumento di 3,1 gigawatt.

Questo è un nuovo record annuale per l'azienda. Questa performance è stata raggiunta nonostante il difficile contesto segnato dalla crisi sanitaria della Covid-19. Inoltre, a fine ottobre 2020, il Gruppo Enel si è impegnato a ridurre le sue emissioni di gas serra dell'80% (entro il 2030), rispetto al livello del 2017.

Così facendo, l'azienda ha aumentato il suo obiettivo dal 70%. Questo per rispettare l'ambizione delle Nazioni Unite di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi rispetto ai livelli preindustriali.

 

Dividendo e capitalizzazione di mercato di Enel

Come molte altre aziende che operano nel settore energetico, anche Enel paga un dividendo ai suoi azionisti. Per l'esercizio 2020, il consiglio di amministrazione della società ha deciso di proporre la distribuzione di una cedola di 0,358 euro per azione, con un aumento del 9,1%.

Inoltre, l'azienda ha una forte presenza sui mercati azionari. È quotata sul mercato MTA di Borsa Italiana in Italia. È anche incluso nell'indice azionario FTSE MIB. A novembre 2021, la sua capitalizzazione di mercato è stimata a più di 70 miliardi di euro.

 

Confronto del prezzo delle azioni Enel con Iberdrola sui risultati del 2020

Come Enel, il business del gruppo Iberdrola è stato colpito dalla crisi sanitaria di Covid-19 nel 2020. Per tutto l'anno, ha raggiunto un fatturato di 36,44 miliardi di euro. A questo proposito, la storica azienda energetica italiana ha superato di gran lunga il suo concorrente con un fatturato annuo di 64,98 miliardi di euro.

Per l'intero anno, entrambe le società hanno registrato un aumento dell'utile netto. Tuttavia, l'utile netto della società spagnola (3,6 miliardi di euro) è stato superiore a quello del gruppo Enel (2,6 miliardi di euro). Inoltre, alla fine dell'esercizio 2020, il debito netto di Iberdrola (35,142 miliardi di euro) è inferiore a quello del gigante italiano (45,4 miliardi di euro).

Il 77% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Plus500.com